Login | Guestbook | Immagini | Downloads | Mappa | 28 utenti on line
MENU

   Home
   Contattaci
   Chi Siamo
   Job oppurtunities


Rubriche

   Arte
   Cinema
   Eventi
   Libri
   Moda
   Mondomedi@
   Spettacolo
   Televisione
   Web Television


Pittori

   Galleria Digitale
   Giovani Promesse
   Maestri
   Nuovi Talenti


Archivio

   Archivio 2001- 2006


Multimedia

   Audio Interviste
   Video


 
"Solo con gli occhi", di Wataya Risa

Udskriv SidenStampa Send denne side til en venInvia ad un amico 

“Solo con gli occhi”
di Wataya Risa

Passioni e turbamenti adolescenziali nel giappone contemporaneo sospeso fra rigide tradizioni e corse sfrenate verso la tecnologia. In italia grazie ad einaudi solo con gli occhi, il romanzo della giovane Wataya Risa, ormai alla ribalta anche in occidente.
Danila Bigazzi

 

Una storia adolescenziale fresca e acerba quella che presenta la scrittrice giapponese Wataya Risa, giunta alla ribalta a soli 19 anni e ormai conosciuta anche da noi grazie al romanzo breve solo con gli occhi, pubblicato in italia da “Einaudi”. La storia racconta il senso di estraneazione, l’amplificazione delle emozioni tipica dell’età, la solitudine, l’adorazione sproporzionata per i personaggi del momento, adorati come nuovi dei in un giovane olimpo esigente dove tutto è assoluto. Hatsu, la protagonista femminile, viene solleticata dall’ossessione di ninagawa, compagno di scuola, sorpreso a sfogliare una rivista femminile solo per contemplare una famosa modella. Hatsu inizialmente prova fastidio ma né è al contempo incuriosita. Entra in contatto così, in maniera irruenta ed impacciata, con l’altra metà del cielo, il mondo maschile.

Wataya Risa


“Per ragioni numeriche hanno necessariamente abbinato me a niganagawa ad   un gruppo di tre ragazze, le quali ci hanno rifilato due vecchie sedie…………le cose che nessuno vuole sono fatte per le persone che nessuno vuole.” I due si scrutano si studiano, si parlano, escludendo poco alla volta tutti il resto del mondo. Il loro ambiente naturale è la scuola, lo sport, la musica. Si parla di allenamenti, concerti e tutto diventa una scusa che sottintende altro, fino a raggiungere nuove complicità e maggior comprensione di se stessi se non l’uno dell’altra. Un viaggio al centro della vita dove si delineano nuove identità. Un libro asciutto, scarno, una scrittura poco articolata per un passaggio iniziatico così ambizioso. Wataya Risa nasce a kyoto il pimo febbraio 1984. Ottiene il suo primo riconoscimento, il premio Bunge, nel 2001 con Install, poi il prestigioso premio Akutagawa nel 2003 con il romanzo breve Keritai Senaka. Le sue opere, nelle quali cerca di elaborare una ribellione poco possibile in giappone, sono state tradotte in inglese, francese, ed ora anche in italiano.
Danila Bigazzi
Wataya Risa
Solo con gli occhi
Enaudi edizioni
Collana stile libero
Pgg: 126
Euro:9,00

Wataya Risa