Login | Guestbook | Immagini | Downloads | Mappa | 5 utenti on line
MENU

   Home
   Contattaci
   Chi Siamo
   Job oppurtunities


Rubriche

   Arte
   Cinema
   Eventi
   Libri
   Moda
   Mondomedi@
   Spettacolo
   Televisione
   Web Television


Pittori

   Galleria Digitale
   Giovani Promesse
   Maestri
   Nuovi Talenti


Archivio

   Archivio 2001- 2006


Multimedia

   Audio Interviste
   Video


 
4 monologhi per le donne di Costanzo e Vaime

Udskriv SidenStampa Send denne side til en venInvia ad un amico 

Pagina correlata:
Visum incontra Manuela Kustermann;
Visum incontra Fanny Cadeo

4 monologhi per le donne
di Costanzo e Vaime

E’ in scena fino al 4 novembre al Teatro Parioli di Roma lo spettacolo di Maurizio Costanzo  ed Enrico Vaime, Arrivederci e grazie, quattro monologhi recitati da Manuela Kustermann e Fanny Cadeo per la regia di Giancarlo Nanni.
Giancarlo Leone

 

Sarà colpa dei genitori, dei traumi infantili, del conflitto generazionale, delle sollecitazioni quotidiane, della fine dell’epoca in cui le donne potevano non lavorare, delle storie finite male, della psicologia junghiana. Le donne la fanno da padrone.

 


Arrivederci e grazie, in scena al Teatro Parioli di Roma, fino al 4 novembre, scritto da Maurizio Costanzo ed Enrico Vaime per la regia di Giancarlo Nanni è uno spettacolo per due donne, Manuela Kustermann e Fanny Cadeo, quattro monologhi ed infinite solitudini.

Fanny Cadeo e Manuela Kustermann

Quattro monologhi ma in realtà potrebbero essere infiniti, perché in ogni ritratto potrebbero essercene, perlomeno, dieci. La problematica è sempre la stessa, sotto qualsiasi angolazione si voglia vedere: l’incapacità e l’impossibilità di amare, la crisi del rapporto di coppia, dove, ahimè, l’uomo ne esce sconfitto.

Fanny Cadeo


Manuela Kustermann è la protagonista dei due monologhi scritti da Vaime: Holden e La Madonna della Terrazza Martini. Nel primo monologo la donna ha perso il suo bassotto, con il quale lei si identifica, lei donna con grandi potenzialità, ma che viene trattata male dal marito, quasi come fosse una stupida, e lei accetta tutto ciò.

Manuela Kustermann

La fuga del cagnolino può simboleggiare per lei una sua aspirazione alla libertà, ma quando il bassotto ritorna, la situazione torna come prima e le umiliazioni continueranno. Nel secondo monologo, la donna va per la prima volta da uno psicanalista per parlare dei suoi tanti problemi: ha vissuto in maniera libera nell’adolescenza e la sua storia, la sua completa disinibizione, alla fine, più che dei vantaggi le porterà solo svantaggi.

Fanny Cadeo


Addirittura crede persino di avere una visione della Madonna sulla Terrazza Martini, luogo di gossip e sciccherie. I monologhi di Fanny Cadeo sono invece scritti da Maurizio Costanzo  e s’intitolano, Sull’affetto e altri impicci e Arrivederci e grazie. La prima donna interpretata dalla Cadeo è una manager perfetta ma inappagata, che ha sempre dato poca importanza ai sentimenti per non soffrire mettendo invece al primo posto la carriera, mentre la seconda donna è una giovane che si trova ad eccitare e aiutare il suo lui che ha avuto una defaillance nella prestazione amorosa.

Manuela Kustermann

Questi i quattro monologhi. Detto ciò non c’è la pretesa di sollevare nuove questioni né riflessioni sulla coppia. La domanda è se sia l’uomo o la donna ad avere certi geni nel DNA: fuga dalle responsabilità, scarsa disponibilità ad ascoltare i reciproci problemi, il continuarsi a sentire, nonostante il distacco dalla famiglia d’origine, figli e figlie ancora, poca comprensione per le ansie da prestazione sessuale.

 


Ai posteri le risposte. Negli anni a venire ci sarà un miglioramento o un peggioramento nei rapporti tra uomo o donna? Le donne sono sempre quelle più complesse, vanno in profondità nelle situazioni, ma sono anche portate a risolvere le situazioni con praticità.
Giancarlo Leone

Fanny Cadeo