Login | Guestbook | Immagini | Downloads | Mappa | 22 utenti on line
MENU

   Home
   Contattaci
   Chi Siamo
   Job oppurtunities


Rubriche

   Arte
   Cinema
   Eventi
   Libri
   Moda
   Mondomedi@
   Spettacolo
   Televisione
   Web Television


Pittori

   Galleria Digitale
   Giovani Promesse
   Maestri
   Nuovi Talenti


Archivio

   Archivio 2001- 2006


Multimedia

   Audio Interviste
   Video


    Archivio
   Giampiero Malgioglio 
   Massimo Cheng – Tche 
   Pierini Giampiero 
   Padovan Mario 
   Lista Pietro 
   Daverio Ada 
   Anna Salvatore 

 
Galleria Digitale
Anna Salvatore

Renato Guttuso 1956: “Una personalità nuova entra con Anna Salvatore nello schieramento del realismo italiano…Alcune di queste teste dai capelli sciolti in fili al vento fanno pensare per la fermezza e l’espressività a Migliaro, a Gemito; una pittura profondamente popolare e italiana che si riallaccia alle migliori tradizioni meridionali…un disegno nitido e deciso, inteso a determinare inequivocabilmente spazio e luce di una figura…”

Anna  Salvatore
Roma, 1923 - 1978
Anna Salvatore nata a Roma (1923 - 1978) Pittrice e scultrice. Allieva di Galileo Chini e Felice Carena, ha studiato a Firenze, frequentando poi l'Accademia di Belle Arti di Roma. Alla metà degli anni quaranta, nel clima socialmente impegnato del dopoguerra, l'artista lega le sue opere al filone neorealista, con quadri che ritraggono le periferie e la gioventù di questo periodo pervasa da grande vitalità. E' in quegl'anni che si evidenzia la sua attenzione per la figura femminile con forme opulente e sensuali. Negli anni cinquanta frequenta vari circoli intellettuali romani. conoscendo e frequentando Ungaretti, Pasolini, Moravia, La Morante, elle scrivono di lei. E' verso la fine degli anni Settanta che ai quadri di stampo realistico affianca tematiche dell'eros. Morta improvvisamente nel '78, aveva in preparazione una mostra di scultura, realizzata postuma nel '79, dal titolo "Omaggio a Anna Salvatore" presentata da Pericie Fazzini, per la quale aveva realizzato tornite figure di donna, di visi decisi, di corpi sensuali, nonchcopyright alcuni angeli dal corpo femminile. Nel 1988, decennale della morte, è stata ricordata cori una personale dal titolo "Eros e Tanatos". Aveva realizzato anche dei costumi e delle scenografie teatrali ed operistiche come "La bugiarda" e "Cavalleriarusticana".
Titolo : Venditrice d'insalata
Anno : 1952
Tecnica : olio su tela
Dimensioni : 70 x 80
Descrizione : La vitalità della giovane è urlata con baldanza, ad indicare una prepotente voglia d'affermazione. Non è difficile immaginare una cornucopia al posto dell'insalata.
     ________________________________________________________________
Titolo : Donna pensosa
Anno : 1958
Tecnica : olio su tela
Dimensioni : 35 x 60
Descrizione : Il tratto nero caratteristico va sfumandosi, resta la rara forza espressiva del disegno nitido e deciso, i suoi capelli come fili al vento. I colori intensi che fanno trasparire l'aria meditabonda del personaggio ritratto.
     ________________________________________________________________
Titolo : Dialogo con l'inconscio
Anno : 1963
Tecnica : olio su tela
Dimensioni : 130 x 120
Descrizione : In questa opera la sapienza del disegno che domina, ma non sovrasta la narrazione poetica, parla del dialogo che ciascuno di noi ha con i propri sogni, con il proprio inconscio. I colori su fondo scuro mettono in risalto sia il rosso dell'abito, che il bianco che rappresenta il sogno.
     ________________________________________________________________
Titolo : L'estate
Tecnica : Olio con tecnica mista
Dimensioni : 71 x 78
Descrizione : In questo quadro il disegno risulta preponderante. I capelli sono fili leggeri e aerei, gli occhi grandi. La tela non è interamente dipinta dando un effetto di disegno su tela colorato. I colori sono vivacissimi, ma non dirompenti. Un tipo di pittura diversa di non ristretto periodo.
     ________________________________________________________________
Titolo : Ballerini di rock and roll
Anno : 1961
Tecnica : olio su tela
Descrizione : Raffigurante danze in una balera di periferia. Eseguito a spatola, in un periodo in cui l'artista pone l'accento sulle figure sfumate e non delineate dal tratto nero, caratteristico della pittura del periodo degli anni '40-50, ripreso poi negli anni '70.
     ________________________________________________________________
Titolo : I ragazzi sul bordo del Tevere
Anno : 1965
Tecnica : olio su tela
Descrizione : Qui i colori si scuriscono, assumendo i toni del bleu, illuminati solamente da un rosso scuro delineante in lontananza i contorni della città. E' una diversa chiave interpretativa rispetto agli amanti di periferia, che si contraddistinguevano per una cromaticità molto accesa e forse per un'atmosfera più gaia e spensierata.
     ________________________________________________________________
Titolo : Crocefissione 1
Anno : 1958
Tecnica : olio su tela
Descrizione : Una stupenda crocifissione con un Cristo dal viso sofferto, dagli occhi cerchiati e melanconici, dal viso scavato, tratti che fanno presagire la tragica fine. Una pittura scurita, quasi plumbea, un Cristo dal volto mediterraneo, così come di spalle la figura della Maddalena, con i suoi capelli finissimi e fluttuanti. Un Cristo vero, non ideologizzato, non prigioniero della tradizionale iconografia, sofferente, umano, quindi più vicino a noi.