Login | Guestbook | Immagini | Downloads | Mappa | 33 utenti on line
MENU

   Home
   Contattaci
   Chi Siamo
   Job oppurtunities


Rubriche

   Arte
   Cinema
   Eventi
   Libri
   Moda
   Mondomedi@
   Spettacolo
   Televisione
   Web Television


Pittori

   Galleria Digitale
   Giovani Promesse
   Maestri
   Nuovi Talenti


Archivio

   Archivio 2001- 2006


Multimedia

   Audio Interviste
   Video


 
La masseria delle allodole

Udskriv SidenStampa Send denne side til en venInvia ad un amico 

Cronaca di un genocidio
dimenticato dalla storia.
“La masseria delle allodole”
di Antonia Arslan

Epopea di uno dei più grandi genocidi della storia, quello del popolo armeno, La masseria delle allodole, bellissimo romanzo di Antonia Arslan pubblicato da Rizzoli Editore, racconta la recente diaspora che ha condotto questo popolo a disperdersi nel pianeta fra il colpevole silenzio del resto del mondo.
Danila Bigazzi

La copertina del libro

Epopea di uno dei più grandi genocidi della storia, quello del popolo armeno, La masseria delle allodole, bellissimo romanzo di Antonia Arslan pubblicato da Rizzoli Editore, racconta la recente diaspora che ha condotto questo popolo a disperdersi nel pianeta fra il colpevole silenzio del resto del mondo. “Prendemmo la strada sotto i portici per andare dal Santo. Era il 13 giugno, il giorno del mio onomastico. Pioveva e io non volevo muovermi, ma il nonno Yerwant, il patriarca a cui nessuno disobbediva, aveva detto: “ È ora che la bambina conosca il suo santo!”. Sono i primi ricordi di una sopravvissuta che racconta con la serena rassegnazione l’inevitabile, lo sgretolarsi improvviso di un mondo articolato, accogliente, vivace. Uomini armeni svettare dall’alto dei loro cavalli come cavalieri dell’Apocalisse, nuovi crociati in difesa delle loro tradizioni e dei loro diritti, tagliuzzati a colpi di sciabola, affogati in fiumi di sangue.Il misterioso rituale della morte viene negato dalla frenesia dei massacri.

Antonia Arslan

Zio Sempad è solo una leggenda, per noi: ma una leggenda su cui abbiamo tutti pianto…“La gente” usava dire “non aspetta mica che finiamo la partita prima di morire. Noi intellettuali armeni dobbiamo dare l’esempio, di precisione, di aggiornamento, puntualità. Se no, perché abbiamo studiato?”. Intanto scoppia la guerra nel 1915 e bisogna agire; non c’è spazio per la tristezza o per la paura ma solo cose da fare e in fretta. Cominciano omicidi, atti di sciacallaggio, torture e stupri: l’imperativo categorico è fuggire. Degli uomini non c’è più traccia. Qualcuna delle vecchie ha detto che sono stati visti, in colonna, mentre venivano accompagnati da soldati armati di baionette….. Il popolo armeno si sposta capeggiato da donne coraggiose e disperate, come una mandria spaventata sempre più stanca, sempre più macilenta, un rumore di passi, centinaia di passi, che continueranno a rimbombare nelle teste e nel cuore di molta, troppa gente.

 

Gli armeni hanno famiglie in ogni luogo ma non un luogo dove sentirsi a casa. Accompagnati in questa forzata transumanza da una continua straziante nostalgia, continuano nella speranza di potersi finalmente fermare e dimenticare.Antonia Arslan riscopre la sua identità armena dopo aver collaborato ad una raccolta  di testimonianze di sopravvissuti al genocidio e tradotto la poesia di Daniel Varujan. La masseria delle allodole, pubblicato nel 2004, è il suo primo romanzo, vincitore di numerosi premi. Da quest’opera è stato tratto il bellissimo film di Paolo e Vittorio Taviani interpretato da Paz Vega, Moritz Bleibtreu, Alessandro Preziosi e Angela Molina.
Danila Bigazzi

La masseria delle allodole
Antonia Arslan
BURextra Rizzoli
pagg. 233
prezzo: 10,00 euro

Antonia Arslan