Login | Guestbook | Immagini | Downloads | Mappa | 27 utenti on line
MENU

   Home
   Contattaci
   Chi Siamo
   Job oppurtunities


Rubriche

   Arte
   Cinema
   Eventi
   Libri
   Moda
   Mondomedi@
   Spettacolo
   Televisione
   Web Television


Pittori

   Galleria Digitale
   Giovani Promesse
   Maestri
   Nuovi Talenti


Archivio

   Archivio 2001- 2006


Multimedia

   Audio Interviste
   Video


 
Il MARCA e le lamiere di Mimmo Rotella

Udskriv SidenStampa Send denne side til en venInvia ad un amico 

Il Marca e le lamiere
di Mimmo Rotella
in esposizione
a Catanzaro

La mostra di Mimmo Rotella che sarà visibile fino al 28 settembre 2008, ha inaugurato lo spazio delle mostre temporanee del nuovo MARCA Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Catanzaro, il 29 marzo scorso. E’ la prima volta che sono in esposizione in uno spazio pubblico, 23 opere dell’artista eseguite su lamiera. Curata da Alberto Fiz, ha un catalogo Electa.
Emilia Dodi
Mimmo Rotella: Attenti, 2004, Décollage su lamiera, 150 x 300 cm. Collezione privata  

a

Il MARCA è il nuovo museo di Catanzaro che unendo il grande patrimonio artistico del passato, apre al contemporaneo  nel suo Palazzo a tre livelli, come polo museale multifunzionale. Al primo piano c’è la collezione dell’artista catanzarese Mimmo Rotella, scomparso nel 2006. Come mostra temporanea, è la prima volta che si riuniscono ben 23 opere su lamiera dell’artista,  che vanno dal 1980 al 2004, e meritano un discorso a parte nella grande produzione di  internazionale.

Mimmo Rotella: Noi amiamo Europa, 1987, Décollage e sovrapittura su lamiera, 300 x 300 cm. Collezione privata

 

Di Mimmo Rotella (1918-2006), artista internazionalmente conosciuto soprattutto per i suoi décollages fin dal 1955, l’unico artista italiano inserito nel 2007 nella mostra parigina dedicata all’Art Nouveau al Grand Palais, in quest’esposizione sono presentate le opere che hanno come supporto le lamiere, un rinnovamento nel suo stile, che interessa la materia artistica sulla quale porre i suoi manifesti strappati e ulteriormente dipinti. Nel 1957 l’artista aveva dichiarato:” strappare i manifesti dai muri è la sola soddisfazione, l’unico mezzo per protestare contro una società che ha perso il gusto per il cambiamento e per le favolose trasformazioni”.

Mimmo Rotella: Djerba, 1987, Décollage e sovrapittura su lamiera, 150 x 300 cm. Courtesy Fondazione Marconi, Milano

Negli anni ’80 dello scorso secolo, impiegando la lamiera strappata come supporto, Rotella esprimeva un messaggio che diveniva polimaterico e multifunzionale. Al Marca ci sono pezzi fondamentali,come Senza titolo del 1981, della serie blank, monocromo di sei metri di lunghezza, Sezione d’anatomia del 1987 che è direttamente relazionabile con le idee di Ruaschemberg e Basquiat, ma anche pezzi che possono essere considerati di omaggio al futurismo e alla  metafisica, come Formula 1 del 1988 e De Chirico di pari data.

Mimmo Rotella: La casa dello studente, 1988, Décollage e sovrapittura su lamiera, 300 x 300 cm. Collezione privata

E’ dagli anni ’80 che Mimmo Rotella sempre su supporti in lamiera, ai décollages astratti, sovrappone la pittura, come nelle opere Djerba del 1987, La casa dello studente del 1988 ( fig3) Billy the Kid del 1989 Robbers del 1990 AmericaTV di pari data e L‘artista debole del 2004.

Mimmo Rotella: Billy the Kid, 1989, Décollage e sovrapittura su lamiera, 150 x 100 cm.Collezione privata

L’artista nel suo scritto L’ora della lucertola, citato nel catalogo dal curatore, dice:”Nel 1987 ho cominciato a recuperare vecchi pannelli metallici su cui avevo già incollato manifesti pubblicitari lacerati vi ho dipinto sopra figure, simboli, graffiti che vedevo non solo sui muri della città, ma anche nelle metropolitane e su alcune pubblicità delle riviste”.

Mimmo Rotella: Robbers, 1990, Décollage e sovrapittura su lamiera, 100 x 150 cm. Courtesy Fondazione Marconi, Milano

Le opere sono tutte di grandi dimensioni e quasi tutte di collezione privata, godibili in quest’esposizione.
Emilia Dodi

Mimmo Rotella: American TV, 1990, Décollage e sovrapittura su lamiera, 100 x 75 cm. Collezione privata