Login | Guestbook | Immagini | Downloads | Mappa | 3 utenti on line
MENU

   Home
   Contattaci
   Chi Siamo
   Job oppurtunities


Rubriche

   Arte
   Cinema
   Eventi
   Libri
   Moda
   Mondomedi@
   Spettacolo
   Televisione
   Web Television


Pittori

   Galleria Digitale
   Giovani Promesse
   Maestri
   Nuovi Talenti


Archivio

   Archivio 2001- 2006


Multimedia

   Audio Interviste
   Video


 
La giuria del Festival di Cannes

Udskriv SidenStampa Send denne side til en venInvia ad un amico 

Pagine Correlate:
La presentazione del Festival di Cannes 2008
Le anticipazioni del Festival di Cannes 2008
Il film di Cannes in anteprima
Blindess inaugura, Cannes 2008
Kung fu Panda presentato a Cannes
La giuria del Festival di Cannes
Woody Allen a Cannes
La seconda giornata del festival di Cannes
Un week-end di proiezioni e glamour al festival di Cannes
Sangue pazzo presentato a Cannes
Cannes festeggia Manoel De Olivera
Clint Eastwood a Cannes con The Exchange
Nanni Moretti al festival di Cannes

La giuria del Festival di Cannes

Ritratto di giuria in un interno, tutti con il sorriso di circostanza e tirati al lucido, soprattutto le signore ed un presidente Sean Penn molto contegnoso, che ogni tanto pero’ si sorregge la guancia con la mano sinistra, facendoci capire poco o niente.
Mariangiola Castrovilli

Giorgia Giacobetti e Elena Russo

 

a

Ecco allora in ordine sparso Rachid Bouchareb, Jeanne Balibar, Apichatpong Weerasethakul, regista dal nome impronunciabile ma dal sorriso aperto, il nostro Sergio Castellitto in giacca bianca e camicia scura a sottolineare la sua abbronzatura, il regista Alfonso Cuaron, l’applauditissima realizzatrice di Persepolis Marjane Satrapi, la giovane attrice Alexandra Maria Lara e la bellissima Natalie Portman, icona sexi del cinema a stelle e a strisce, che anche stavolta non ha perso l’occasione di dire banalita’ come “sono molto onorata di fare parte di questa giuria, e Cannes rappresenta il picco piu’ alto del cinema mondiale….. un’opportunita’ imperdibile per vedere cosi’ tanti film (22 per l’esattezza) di cosi’ tanti paesi….” E vai, ipse dixit…
Marjane Satrapi  
Marjane Satrapi invece sigaretta in bocca ‘per ragioni mediche’, ci spiega che un film e’ prima di tutto un lavoro artistico e non un volantino senza importanza che getti via dopo la prima occhiata. Non importa il messaggio, il valore e’ quello che conta e dieci anni dopo resta sempre un buon film…. “Ipse dixit due”.

Sean Penn
Certo non si puo’ fare a meno di notare che sempre di piu’ i componenti delle giurie, sono piu’ glamour dei cast dei film invitati  con tanti saluti ad una specifica conoscenza della materia, ma tant’e’ …. Sean Penn si e’ esibito poi in una serie di smorfie divertenti quando una collega della tv tedesca ha chiesto ad Alexandra Maria Lara come ci si sente ad essere seduti accanto a Penn. Ad un tratto pero’ la conversazione ha virato verso il politico e Penn ha ancora una volta ribadito che la “politica di Bush e’ fatta di stupidita’ ed e’ vergognoso chiamare politica il suo modo di agire”.

Jeanne Balibar

Sull’onda delle rivendicazioni politiche e’ allora scesa in campo Jeanne Balibar che, per non essere da meno ha criticato la politica sull’immigrazione di Sarkozy.

Rachid Bouchareb

Penn, siete tutti d’accordo sui criteri da seguire per assegnare la Palma d’oro? Si, soprattutto di una cosa, l’essere piu’ che sicuri che il regista prescelto sia cosciente del mondo in cui vive”.

Sergio Castellitto

Eastwood che l’ha diretta in Mystic River quest’anno ritorna a Cannes con Changeling nessun…favoritismo? “Se merita il premio lo avra’, ma la sola cosa a contare per noi sara’ il film che stiamo visionando”.

Alfonso Cuaron

Lei ha chiesto al Festival di usufruire del suo diritto per la visione speciale del presidente della Giuria di programmare The Third Wave, secondo film della regista australiana Alison Thompson che racconta il viaggio dei volontari in Sri Lanka per aiutare il Paese a risollevarsi dalla tsunami nel 2004….

Alexandra Maria Lara

Ho visto questo lavoro sei mesi fa ed ho subito pensato che si trattasse di una pellicola  molto importante, soprattutto tenendo conto dello  stato attuale delle cose nel mondo”.
Mariangiola Castrovilli

Natalie Portman